Home / Memorie

Memorie

La mia via al presepe

La mia via al presepe è l’argomento del centesimo degli articoli che pubblico su queste pagine, ormai da tre anni, in concomitanza della ripubblicazione del mio vecchio libro In Limine. Mi accade, talvolta, nel mio vagabondare per le strade, le piazze, i vicoli di Napoli, di prendere l’erta salita di …

Continua a leggere »

Ciabattino alla Sanità. Apparizione del Volto

Il ciabattino, in napoletano “solachianiello”, è uno dei mestieri che possono considerarsi scomparsi. Ad uno di questi umili lavoratori, nel quartiere Sanità, è legato un bellissimo ricordo: l’apparizione del Volto, secondo la definizione di un filosofo contemporaneo. Perché “fare il presepe”? Tra i tanti motivi, che già ti ho presentato …

Continua a leggere »

Zampognari e poesia a Napoli

zampognari

Le melodie degli zampognari e la poesia di Dante, nella novena dell’Immacolata, ci ricordano che la vita è un cammino verso una meta, mentre prepariamo il cammino del presepe.  Il ventinove del mese di novembre era sempre stato un giorno speciale per Napoli e i Napoletani, risvegliati al mattino presto …

Continua a leggere »

Modellare la creta tra aspirazione e rinuncia

La creta è un materiale molto bello, nella sua povertà, poiché lo si raccoglie senza molta fatica sulle rive dei torrenti e dei fiumi. Inoltre, a chi la modella dà la meravigliosa sensazione di creare a somiglianza di Dio. I bambini modellano con grande piacere. Purtroppo si smette in età …

Continua a leggere »

Presepe vivente in S. Maria della Sanità

presepe vivente

Tra le varie tradizioni natalizie c’è quella del presepe vivente, che consiste nel rappresentare l’evento della Natività con personaggi e animali veri. Una volta questa rappresentazione fu celebrata anche nella chiesa napoletana di Santa Maria della Sanità, ad opera del parroco don Giuseppe Rassello. Il primo “presepe vivente” non fu …

Continua a leggere »

Un caffé per le anime purganti

anime purganti

Napoli è una città che ispira sentimenti ambivalenti e contraddittori. Ma in essa è radicato, risalendo agli antichi tempi della Grecità, il rispetto per l’ospite. Anche verso la povertà Napoli mostra una particolare sensibilità, che si esprime nella tradizione del “caffé pagato”. Ho sempre amato questa mia città, anche se …

Continua a leggere »

Un angolo di Napoli: il fondaco S. Gregorio Armeno

Nel fondaco “S.Gregorio Armeno” nacque Giuseppe Sanmartino, lo scultore del “Cristo velato” nella “Cappella Sansevero”. Esso è, tra l’altro, uno dei pochi fondaci napoletani sfuggiti allo “sventramento” della città, nel “Risanamento” di fine Ottocento. Una delle cose di cui ho menato più vanto, nella mia vita, è di essere nato …

Continua a leggere »

Natale è… la fragilità di un Bimbo divino

La nascita di Dio come uomo, nei disagi e nella precarietà dell’esistenza terrena, invitando all’umiltà ed alla fratellanza nello spirito di San Francesco, è il vero senso del Natale. La fragilità umana indossata da Dio è segno di speranza e conforto per gli infelici e gli ammalati. Che cos’è che …

Continua a leggere »