Home / Storia / Francesco d’Assisi e la tradizione del presepe
Dino-Battaglia-Natale-a-Greccio-3
Dino Battaglia "Natale a Greccio"

Francesco d’Assisi e la tradizione del presepe

San Francesco d’Assisi non ha “inventato” il presepe come noi lo concepiamo ma lo spirito dell’umiltà e della povertà francescana è il lievito di questa bellissima tradizione. Mettiamo a confronto il biografo medievale del Santo e l’artista nostro contemporaneo Dino Battaglia, che raccontano, ciascuno nel proprio stile, il Natale di Greccio.

 San Francesco d’Assisi, il grande Santo della povertà, esaltato da Dante nell’XI canto del Paradiso, è stato spesso considerato l’inventore del “presepe” ed è per questa ragione che spesso, nelle rappresentazioni presepiali, fa la sua comparsa anche un frate rivestito del saio francescano, con il sacco delle elemosine sulla spalla e, talora, con un bicchiere di vino offertogli dalla generosità di un oste o di un avventore.

In realtà, San Francesco non realizzò una rappresentazione presepiale come l’intendiamo noi, cioè mediante figure, che possono essere delle statue, di maggiore o minore grandezza, o anche delle vere e proprie persone, come nei presepi cosiddetti “viventi”. Egli fece qualche cosa di diverso: egli volle che il Sacrificio della Messa, nella Notte di Natale, fosse celebrato, non, come di consueto, in una chiesa, ma nell’ambiente stesso in cui Gesù era nato, cioè in una stalla. Centro della celebrazione fu la mangiatoia, appositamente preparata, con un bue e un asino come uniche “comparse”: non c’erano, infatti, “figuranti” che impersonassero la Madonna e san Giuseppe. C’erano, sì, i “pastori”, ma questi erano i veri pastori, abitanti delle zone vicine. Neppure fu posto il “Bambino” nella mangiatoia, a mezzanotte, com’è nostra consuetudine: nel “presepe” preparato da San Francesco, il Bambino apparve come segno della particolare predilezione divina per il Santo e per la sua scelta in favore della povertà.

Questo è quanto risulta dal racconto che dell’avvenimento fa Tommaso da Celano, seguace di San Francesco (entrò nell’ordine probabilmente a quindici anni) e suo primo biografo.

Perché tu possa giudicare da te e assumere una tua posizione personale, ti ho tradotto i passi significativi, tratti dai paragrafi finali della Legenda prima di frate Tommaso scritti in un bel latino medievale.

Ti mostro l’originale e di seguito la traduzione.

Tomaso Celano - Vita e miracoli di san Francesco d'Assisi - Frontestizio
Tomaso Celano – Vita e miracoli di san Francesco d’Assisi – Frontestizio

La greppia che preparò nel giorno della Natività del Signore. XXX

 “84. Si deve anche ricordare, e con reverente memoria ritornarvi, ciò che, due anni prima della sua gloriosa morte, fece nel giorno della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo, presso il paese che si chiama Greccio. In quel circondario vi era un uomo di nome Giovanni, che conduceva una vita anche migliore della buona fama di cui godeva. Il beato Francesco aveva per lui una particolare predilezione perché, pur essendo di stirpe molto nobile ed onorata, aveva calpestato la nobiltà della carne e aveva perseguito la nobiltà dello spirito. Il beato Francesco, dunque, come spesso era solito fare, quasi quindici giorni prima di Natale, lo fece chiamare e gli disse:

– Se vuoi che celebriamo questo Natale a Greccio, va’, precedimi, e prepara con cura ciò che ti dico. Voglio, infatti, celebrare il memoriale di quel Bimbo che nacque a Betlemme e con gli occhi del corpo contemplare i disagi della sua infanzia povera, come fu adagiato nella mangiatoia e come, tra il bue e l’asino, se ne stette poggiato sul fieno.

All’udire queste parole, quell’uomo buono e fedele corse subito via e nel luogo indicatogli preparò ciò che il Santo aveva detto.

85. Si avvicinò dunque il lieto giorno, venne il tempo dell’esultanza. Da più luoghi furono fatti venire i frati, e gli uomini e donne di quel circondario, ognuno secondo la possibilità, nell’esultanza dell’anima, prepararono ceri e fiaccole ad illuminare la notte che, con lo splendore della stella, illuminò tutti i giorni e gli anni. Venne, infine, anche il Santo di Dio e, trovando tutto preparato, vide e ne gioì.

Si prepara la mangiatoia, vi si porta il fieno, vi si conducono il bue e l’asino. In quel luogo si onora la semplicità, si esalta la povertà, si raccomanda l’umiltà, e, da Greccio che era, il paese diventa quasi una nuova Betlemme. S’illumina la notte come fosse giorno, piena di delizia per uomini e bestie. Arriva gente, e, di fronte al nuovo rito, si rallegra di gioia finora sconosciuta.

La selva rimanda le voci, e le rocce rispondono alle grida di giubilo. Cantano i frati innalzando a Dio le dovute lodi, e l’intera notte risuona dei canti di giubilo. Il Santo di Dio è in piedi davanti alla greppia, con intensi sospiri, devotamente raccolto e circonfuso di meravigliosa allegrezza. Si celebra la Messa solenne sulla mangiatoia, e il sacerdote ne riceve una  consolazione mai provata prima.

86. Il Santo di Dio indossa i paramenti da diacono, poiché era diacono, e con voce squillante annunzia il Vangelo. E la sua voce, volta a volta veemente, dolce, chiara, sonora, invita tutti a cercare il premio più alto. Poi tiene la predica al popolo circostante e prorompe in parole dolci come il miele sulla nascita del Re che si è fatto povero e sulla piccola città di Betlemme.

[…]

Si moltiplicano i doni di Dio e da un uomo virtuoso si scorge una mirabile visione. Costui vedeva, infatti, nella mangiatoia giacere un bimbo addormentato e il Santo di Dio gli si accostava, e voleva quasi risvegliare il fanciullino dal sonno profondo. E non era sconveniente, questa visione, poiché il Bambino Gesù era caduto nella dimenticanza nei cuori di molti e in questi stessi cuori, per la Sua Grazia, Egli fu resuscitato per mezzo del suo servo san Francesco e ne fu impresso l’indelebile ricordo. Si termina infine la veglia solenne e ognuno se ne torna con gioia alla propria dimora”.

Dal testo appare chiaramente che quella nella stalla di Greccio non fu una “rappresentazione” (neanche del tipo di quelli che, nel Medioevo, erano chiamati “Misteri”), ma fu celebrazione della liturgia: probabilmente anche l’espressione “Cantano i frati innalzando a Dio le dovute lodi”, si riferisce al canto dell’Ufficio Divino che precede la Messa. Quello che a Greccio è del tutto nuovo è il luogo in cui la liturgia è celebrata: una povera stalla, mentre a Roma, il Papa e i Cardinali celebrano lo stesso rito, commemorando lo stesso evento, nello sfarzo e nella ricchezza. E il “dono di Dio”, la venuta del Bimbo Divino nel luogo della celebrazione,  è concesso alla stalla di Greccio e non al superbo Laterano.

Con la vita di San Francesco si è cimentato, negli anni Settanta del secolo da poco trascorso, anche Dino Battaglia, un artista italiano del “fumetto”, questa forma di racconto che è stata spesso guardata con sospetto, quando non con aperta ostilità, dai rappresentanti della “cultura ufficiale”.

Dino Battaglia è stato uno di quegli autori che, con la propria matita, hanno dimostrato come questa forma di narrativa dovrebbe essere più giustamente definita “letteratura disegnata”.

Le pagine, che ti presento qui, apparvero su “Il Messaggero dei ragazzi”, una pubblicazione dei Frati Minori Conventuali di Padova, che affianca il celebre “Messaggero di Sant’Antonio”. Risalgono al 1976 e fanno parte della storia di san Francesco, raccontata da Dino Battaglia nel suo stile inconfondibile, con profondi neri e bianchi abbaglianti. dal cui contrasto nasce la poesia. Il racconto è pienamente aderente alla tradizione.

Se, quindi, San Francesco non può essere ritenuto l’inventore del presepe, in senso “tecnico” (merito che spetta a un altro Santo, San Gaetano Thiene)  il presepe è in ogni caso pervaso dello spirito del “poverello d’Assisi””.

E non è sbagliato, nonostante ogni prova “filologica” contraria, fare risalire al suo esempio questa bella tradizione viva in ogni paese cattolico e che, con il suo fascino e la sua poesia, continua  spesso ad attirare anche  chi non ha conservato la fede dei padri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *